Arbitra sospende la partita per rissa: aggredita. Poi la chiudono nello stadio

Episodio increscioso accaduto nella provincia di Brescia: durante una partita di calcio giovanile l’arbitra sospende la gara, poi viene chiusa nello stadio. Abbandonata senza assistenza. Penalizzate le due società. 

Un brutto episodio si è verificato nella provincia di Brescia. Durante una partita di calcio giovanile tra le squadre Darfo e Carpenendolo, categoria Juniores, l’arbitra è stata costretta a sospendere il match dopo una violenta rissa. Purtroppo non il primo episodio che mai dovrebbe verificarsi soprattutto tra i giovani.

Sta di fatto che il direttore di gara non ha potuto fare altro che mettere fine all’incontro, considerando che non vi erano più le condizioni per farlo proseguire. Ma il suo gesto invece di placare gli animi di calciatori e dirigenti ha inasprito ancor di più gli animi. Tanto che si è arrivati alla follia.

Aggredita verbalmente durante l’ingresso negli spogliatoi, il direttore di gara in lacrime ha fatto rientro nel suo stanzino. Ma una volta pronta per l’uscita è arrivata la brutta sorpresa. Infatti si è resa conto di essere rimasta da sola nell’impianto e chiusa dentro.

Arbitra viene chiusa nello stadio: penalizzate le due società

arbitra aggredita
Arbitra aggredita durante una partita (Pixabay – newsweb24.it)

Un gesto davvero folle e vergognoso. Un episodio che fa riflettere parecchio e deve far pensare ancora a quanta discriminazione resta purtroppo nel mondo del pallone, anche a livello giovanile. L’intervento della Lega Nazionale Dilettanti a seguito del referto dell’arbitra chiusa all’interno dello stadio è stato tempestivo.

Non si hanno notizie su provvedimenti in difesa del direttore di gara, ma solo di sanzioni nei confronti delle due squadre. Che hanno avuto entrambe la partita persa a tavolino. Solo una multa di 100 euro è stata comminata alla società di casa per inidonea assistenza al direttore di gara a fine partita.

Potrebbe interessarvi anche: Meteo: ondata di freddo gelido dalla Russia, Italia nel gelo

Potrebbe interessarvi anche: Terremoto Turchia, c’è un italiano tra i dispersi: il suo albergo è distrutto

Che nel referto ha specificato che l’interruzione del match si era resa necessaria in quanto tra i giocatori in campo era scoppiata una violenta rissa con calci e botte. Ennesima pagina triste e vergognosa in un mondo che dovrebbe evitare certi episodi a livello giovanile.