Meningite, 17enne in gravi condizioni. I medici: “In fin di vita”

Si aggravano le condizioni di vita del 17enne di Tezze sul Brenta in provincia di Vicenza ricoverato da sabato scorso per meningite meningococco. Per i medici la sua vita è appesa ad un filo, condizioni cliniche disperate. 

Giungono brutte notizie per il 17enne di Tezze sul Brenta ricoverato nella giornata di sabato scorso presso l’ospedale di Bassano per meningite da meningococco. Purtroppo le sue condizioni di salute si sono aggravate, con i medici che hanno lasciato intendere che ci sono purtroppo poche speranze.

Nella giornata di sabato le sue condizioni di salute si sono aggravate, con il ricovero in rianimazione per tentare di salvarlo. Grande partecipazione da parte dei compagni di scuola che si sono recati presso l’ospedale per stare vicini al 17enne che sta lottando tra la vita e la morte.

Il giovane studente del liceo scientifico di Bassano del Grappa appare in condizioni disperate dopo il bollettino dei medici che stanno tentando l’impossibile per salvarlo. Ma pare ce ci siano poche speranza, anche se si attendono sempre notizie per un miglioramento.

17enne colpito da meningite: si aggravano le sue condizioni

meningite, 17enne in fin di vita
Ambulanza (da YouTube – newsweb24.it)

I medici dell’ospedale di Bassano stanno tentando in tutti i modi di salvare il 17enne colpito da meningite da meningococco. Ma da quanto trapela in queste ore pare che ci siano davvero poche speranze per lui. Intanto i sanitari hanno avviato la procedura di tracciamento delle persone entrate in contatto con il giovane.

A lavoro l’Ulss Pedemontana che è riuscita a risalire a tutti i suoi contatti avuti negli ultimi 10 giorni. Tra questi anche i compagni di squadra del ragazzo e gli avversari in un match di calcio. In tutto il numero delle persone attualmente in profilassi è arrivato a 265.

Potrebbe interessarti anche: Allerta Ministero Salute: ritirato cioccolato di un marchio famoso

Potrebbe interessarti anche: Cadavere di un 69enne trovato in un palazzo: indagano i carabinieri

Ma non finisce qui, in quanto si cerca di arrivare a tracciare anche i contatti del giovane che avrebbe partecipato ad alcune feste insieme ad altre persone. Scatta quindi la corsa contro il tempo per scongiurare altri possibili contagi.