Il Gruppo Calzedonia: cambia nome dopo quasi 40 anni

Calzedonia, colosso dell’industria dell’abbigliamento con un fatturato di oltre 3 miliardi di euro, ha preso una decisione audace dopo quasi quattro decenni di successo, cambierà il suo nome. Fondata nel lontano 1986 da Sandro Veronesi, l’azienda ha annunciato questo significativo cambiamento come parte di una strategia più ampia volta a consolidare la sua presenza globale.

Il processo di selezione del nuovo nome è stato coinvolgente e partecipativo. I dipendenti dell’azienda sono stati chiamati a contribuire al cambiamento attraverso un concorso interno, sottolineando così l’importanza del loro ruolo nell’evoluzione dell’azienda. Questa iniziativa riflette l’impegno di Calzedonia nel coinvolgere attivamente la propria forza lavoro nelle decisioni chiave.

Potrebbe interessarti anche: Shopping natalizio, occhio alle truffe online: come evitarle

Calzedonia ha consolidato la sua posizione nel mercato internazionale, distinguendosi per la sua diversificazione che spazia dal settore fashion a quello del lusso, passando per la nautica e il food&wine. Con un fatturato che proviene per il 60% dai mercati esteri, l’azienda ha ampliato le sue attività al di là dei confini nazionali, diventando una realtà conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

Il Gruppo Calzedonia è attualmente composto da un portafoglio di marchi ben noti, tra cui Calzedonia, Intimissimi, Intimissimi Uomo, Tezenis, Falconeri, Signorvino, Atelier Eme, Antonio Marras e, dopo l’acquisizione di Cantiere del Pardo, Grand Soleil, Pardo e Van Dutch. Questa diversificazione mira a sfruttare appieno le potenzialità del gruppo in settori diversificati.

“Oniverse”: il nuovo nome e il suo significato

Il nome “Oniverse” rappresenta un’innovativa personalizzazione della parola inglese “Universe“. Questa scelta riflette l’intenzione di indicare lo spazio, il tempo e i contenuti che compongono l’universo del Gruppo Calzedonia. Una componente interessante di questa decisione è l’anagramma incorporato nel nome, che forma il cognome “Veronesi“, un tributo al fondatore dell’azienda.

Sandro Veronesi, attualmente presidente di Oniverse, ha condiviso la sua prospettiva sul cambiamento dichiarando: “Il Gruppo ha saputo crescere costantemente. Oggi siamo una realtà con una grande storia, un universo in continua evoluzione, con diversi marchi tutti caratterizzati da una propria identità. Per questo la scelta di un nome che fosse indipendente e autonomo, ma che potesse rappresentarne l’essenza di tutti.”

Potrebbe interessarti anche: Quotazione oro in ascesa: quanto vale l’usato al grammo

Con questa decisione, Calzedonia si prepara a inaugurare un nuovo capitolo della sua storia come Oniverse. Il nome riflette l’appartenenza, ma anche la libertà, enfatizzando la diversità all’interno del Gruppo. Oniverse rappresenta un insieme eterogeneo di realtà, ognuna con la propria autonomia, ma tutte unite sotto lo stesso progetto.

Il cambiamento del nome segna una tappa significativa per Calzedonia, sottolineando la volontà di adattarsi e crescere in un mercato in evoluzione. Oniverse sarà il catalizzatore di un’identità rinnovata, continuando a rappresentare l’impegno costante nel soddisfare le esigenze mutevoli dei consumatori e nell’essere una forza trainante nell’industria dell’abbigliamento globale