Cenone Capodanno, quanto costerà da Cracco: prezzo e menù

Il cenone di Capodanno 2024 proposto da Carlo Cracco nel suo rinomato ristorante a Milano, situato nella Galleria Vittorio Emanuele II, si preannuncia come un’esperienza culinaria straordinaria. Il menu, consultabile sullo shop del sito ufficiale, presenta una serie di piatti raffinati e deliziosi che delizieranno i palati più esigenti.

Per partecipare a questa esclusiva cena di San Silvestro, è necessario effettuare una prenotazione online attraverso il sito ufficiale. Una volta completato l’acquisto, si riceverà un voucher in formato PDF contenente il codice da fornire al momento della prenotazione.

Cosa comprende questo menù e quanto ammonta il costo a persona

Il menu di Capodanno 2024 di Carlo Cracco è un viaggio gastronomico che inizia con un‘insalata russa accompagnata da caviale e argento, seguita da un’allettante combinazione di alga nori croccante, trota reale affumicata, limone e capperi. La cena prosegue con un raffinato cocktail di scampi, radicchio e melagrana, seguito da polentina di Biancoperla e tartufo con tuorlo candito e gorgonzola dolce.

Potrebbe interessarti anche: Natale in cucina: le ricette della tradizione regione per regione

La proposta culinaria continua con la sogliola alla mugnaia con uova di salmone e acetosella, introducendo poi i ravioli di cotechino e bietola con salsa al rafano e noci. Nel menu trova spazio anche il cervo in crosta con funghi e frutti rossi, seguito dalla Meneghina di Capodanno con lenticchie alla vaniglia e zabaione al rhum. Per completare l’esperienza, è disponibile una selezione di vini al calice in abbinamento, al costo di 500 euro a persona.

L’apertura di un nuovo ristorante nella capitale italiana

Oltre a essere uno dei più noti chef italiani, Carlo Cracco è anche un influencer di spicco, accanto a colleghi del calibro di Massimo Bottura, Antonino Cannavacciuolo, Bruno Barbieri e Alessandro Borghese. Attualmente, Cracco sta espandendo la sua presenza aprendo un nuovo ristorante a Roma, all’interno del Corinthia Rome, rappresentando un’opportunità significativa per la rinascita del turismo post-COVID nella capitale italiana.

In una recente intervista a Repubblica, lo chef ha sottolineato l’importanza di questa nuova avventura, evidenziando come rappresenti un segnale positivo di ripresa turistica dopo gli anni difficili della pandemia. La sua decisione di aprire in un luogo simbolico come l’area del Parlamento conferisce a questa iniziativa un significato ancora più profondo, contribuendo a elevare ulteriormente il livello dell’offerta culinaria a Roma.

Potrebbe interessati anche: Miglior panettone d’Italia 2023: ecco dove mangiarlo

Capodanno da Cracco, un’esperienza gastronomica indimenticabile tra gusto e raffinatezza.