WhatsApp, attenzione alla nuova truffa: come difendersi dagli attacchi

Gli utenti di WhatsApp devono stare attenti a una nuova truffa che coinvolge un ingannevole messaggio di richiesta di invio di un codice. I cybercriminali, approfittando di questa articolata tattica, riescono a impossessarsi di profili WhatsApp, ingannando gli utenti meno esperti.

Il trucco si basa sulla richiesta fraudolenta di inoltrare un codice a sei cifre, simulando un errore di invio da parte di un contatto presente in rubrica. La semplicità dell’inganno risiede nella confusione dell’utente, spesso convinto che il messaggio provenga da un familiare o conoscente. Il codice in questione funge da chiave di accesso, permettendo ai truffatori di violare il profilo WhatsApp.

La tecnica di social engineering e il messaggio ingannevole

Il processo di autenticazione coinvolge il medesimo codice richiesto durante l’installazione iniziale dell’app. Dopo l’inserimento del numero di cellulare, il codice viene inviato tramite sms o chiamata per confermare il legame tra il profilo e il numero telefonico. Questo stesso sistema viene sfruttato per validare una richiesta di cambio numero, dando l’opportunità ai cybercriminali di agire.

Potrebbe interessarti anche: Condizionatore o termosifoni: la scelta migliore per il riscaldamento domestico

I truffatori, armati del numero telefonico della vittima, inviano una richiesta di cambio numero associato a WhatsApp. Successivamente, attraverso tecniche di social engineering, convincono la vittima a inoltrare loro il codice a sei cifre ricevuto tramite sms. Questo avviene spesso attraverso un messaggio ingannevole del tipo: “Ciao, scusami, ti ho inviato per sbaglio un codice via sms, potresti rimandarmelo?“. La vittima, ingannata,  compie l’azione richiesta, permettendo ai truffatori di attivare l’app su un altro dispositivo elettronico e di disconnettere il legittimo proprietario.

Ignorare qualsiasi richiesta d’invio per non cadere in trappola

I cybercriminali prendono il controllo del profilo e, avendo accesso alla rubrica, replicano la truffa a tutti i contatti. Per evitare di cadere nella trappola, è essenziale ignorare qualsiasi richiesta di invio di codici o dati sensibili su WhatsApp. Inoltre, è fondamentale evitare di cliccare su link inseriti nei messaggi e prestare attenzione a eventuali errori nell’italiano utilizzato, spesso indicativi di frode.

In caso di caduta nella truffa, è possibile disattivare l’account o richiederlo via mail a support@whatsapp.com. Questo processo consente di disattivare l’account e di avviare una nuova procedura di accesso tramite sms di verifica col codice a sei cifre.

Potrebbe interessarti anche: Bollette dell’acqua sempre più salate: ecco dove si paga di più

Informare tempestivamente i contatti in rubrica è fondamentale per evitare la propagazione della truffa.