Sta succedendo qualcosa di assurdo alla Luna: la scoperta degli scienziati

Cosa sta succedendo alla Luna? La scoperta degli scienziati che hanno portato alla luce qualcosa di assurdo. Ecco tutti i particolari. 

Un fenomeno silenzioso sta gradualmente trasformando la nostra Luna, suscitando preoccupazioni tra gli esperti per il futuro delle missioni spaziali umane. Contrariamente alla percezione costante del suo aspetto nel cielo, la Luna si sta restringendo, un processo associato a cambiamenti violenti sulla sua superficie.

Il nucleo lunare si è raffreddato nel corso delle centinaia di milioni di anni passati, innescando un contrarsi della sua superficie simile al raggrinzirsi di un acino d’uva. I risultati di uno studio pubblicato su The Planetary Science Journal indicano una riduzione di circa 45 metri nella circonferenza lunare. Questo restringimento, a sua volta, è stato collegato a terremoti significativi, soprattutto nella regione polare meridionale.

Il meccanismo alla base di questi terremoti è legato alla formazione di faglie, causate dallo spingere di diverse sezioni della crosta lunare l’una contro l’altra durante il processo di restringimento. Il polo sud lunare è emerso come un punto critico, con un gruppo di faglie strettamente collegato a uno dei terremoti più potenti mai registrati da sismometri lasciati sulla Luna oltre 50 anni fa durante una missione Apollo.

Cosa sta accadendo alla Luna

Thomas R. Watters, scienziato del National Air and Space Museum’s Center for Earth and Planetary Studies, autore dello studio, ha sottolineato che alcune aree sono particolarmente vulnerabili alle frane dovute alle scosse sismiche. “I nostri modelli suggeriscono che terremoti superficiali capaci di produrre forti scosse del terreno nella regione del polo sud sono possibili a causa di eventi di scivolamento su faglie esistenti o della formazione di nuove faglie di spinta”, ha dichiarato.

Questo fenomeno assume un ruolo centrale nel contesto delle future missioni spaziali umane sulla Luna. Con il ritorno imminente dell’uomo sulla superficie lunare, con missioni come Artemis 2 prevista per il prossimo anno, è essenziale considerare gli effetti potenzialmente dannosi dei terremoti lunari durante la pianificazione degli insediamenti permanenti. La distribuzione globale delle faglie e il loro potenziale impatto devono essere attentamente valutati per garantire la sicurezza delle strutture e degli strumenti umani.

Il restringimento della Luna e i terremoti associati presentano una sfida significativa per le future missioni spaziali. La corsa alla Luna è in pieno fermento, ma la comprensione di questi fenomeni è cruciale per mitigare i rischi e assicurare il successo delle missioni umane sulla superficie lunare nel futuro prossimo.

Potrebbe interessarti anche: Come imparare facilmente una lingua europea: corso e alloggio gratis