Chiudere i termosifoni che non servono: si risparmia davvero?

Chiudere i termosifoni che non servono, fa risparmiare davvero? In tanti durante i mesi invernali fanno così: ma i risultati sono sicuri? Andiamo a scoprire la verità. 

Ci sono tanti modi per arrivare a risparmiare anche d’inverno, quando i consumi per i riscaldamenti possono portare ad avere delle bollette anche pesanti. Soprattutto sul web si trovano in abbondanza consigli su abbassare la soglia di questi consumi in casa, ma non tutti sono altrettanto efficaci o pratici quando si tratta di tagliare le spese energetiche e mantenere bassi i costi alla fine del mese.

Tra i suggerimenti più comuni, c’è quello di spegnere i termosifoni nelle stanze poco frequentate per risparmiare energia. Ma funziona davvero? Il problema è che, quando accendiamo i termosifoni, li attiviamo per tutta la casa, senza avere un controllo fine su quali stanze stiamo effettivamente riscaldando. La mancanza di sistemi di controllo granulari nei moderni impianti di riscaldamento ci costringe a dover spegnere manualmente le valvole dei radiatori se non ne abbiamo bisogno.

Questo trucchetto può aiutare a ridurre i costi del gas e, di conseguenza, delle bollette. In particolare, se abitiamo in una casa grande o ci sono stanze poco frequentate, come una sala da pranzo inutilizzata, chiudere i termosifoni in queste aree può essere una strategia da considerare per risparmiare energia.

Cosa accade quando chiudiamo i termosifoni inutilizzati

Chiudendo alcuni termosifoni inutilizzati, possiamo migliorare l’efficienza di quelli che rimangono aperti, con le prestazioni che sicuramente andranno ad aumentare. Questo perché il flusso d’acqua calda che sarebbe stato destinato ai radiatori chiusi viene ora indirizzato verso quelli rimasti aperti, garantendo che siano più efficienti e caldi.

Tuttavia, prima di optare per l’accensione dei termosifoni, è importante valutare se questa sia la scelta più razionale per riscaldare la casa. Se, ad esempio, passiamo la maggior parte del tempo in una sola stanza per studiare o lavorare, potrebbe essere più conveniente riscaldare solo quella stanza con una fonte di calore localizzata, come una stufa o un condizionatore, se disponibile.

Inoltre, prima di accendere qualsiasi apparecchio di riscaldamento, è sempre consigliabile indossare indumenti più pesanti per trattenere il calore corporeo, poiché spesso questo può essere sufficiente per mantenerci al caldo senza dover ricorrere a soluzioni più dispendiose in termini energetici.

Potrebbe interessarti anche: Vecchie riviste, non vanno gettate: ecco come si possono riutilizzare