Isola d’Elba, perché conviene visitarla in primavera

Isola d’Elba, perché conviene visitarla in primavera: andiamo a scoprire tutte le bellezze di questa magnifica location che fa sognare i turisti di tutto il mondo. 

Un luogo perfetto per trascorrere una vacanza a primavera è l’Isola d’Elba, ricca di bellezze da scoprire e esperienze da vivere. Sebbene solitamente sia meta turistica affollata durante l’estate, quando le sue spiagge diventano il rifugio ideale per un refrigerante bagno, la primavera offre l’opportunità per avventure all’aperto senza eguali. Ecco cosa non perdere durante la vostra visita.

Il Monte Calamita non è solo un luogo di straordinaria bellezza naturale, ma anche una zona mineralogica di grande importanza storica, dove un tempo si estraevano minerali come la magnetite e la malachite. Le sue miniere, ormai abbandonate da tempo, offrono un affascinante viaggio nella storia. Per coloro che desiderano godere di una vista spettacolare senza troppa fatica, è possibile prendere la funivia che parte dal paese di Marciana e in pochi minuti salire sulla vetta del Monte Capanne, la più alta dell’isola. In una giornata particolarmente limpida, lo sguardo può spaziare fino alla Liguria e al Lazio, regalando panorami che si estendono persino fino alla Corsica.

La bellezza dell’Isola d’Elba a primavera

La bellezza dell'Isola d'Elba a primavera
La bellezza dell’Isola d’Elba a primavera

Sebbene l’Isola d’Elba sia celebre per le sue spiagge, in primavera l’acqua è ancora troppo fredda per un bagno. Questo è l’occasione perfetta per esplorare i suoi borghi, ricchi di storia e fascino architettonico. Un punto di partenza ideale è Portoferraio, dove le principali attrazioni ruotano attorno al passaggio di Napoleone Bonaparte, esiliato sull’isola. La Villa dei Mulini era la residenza legata alla sua vita pubblica, mentre la vicina Villa di San Martino era destinata alla sua vita privata. Oggi, quest’ultima ospita il Museo dei Cimeli Napoleonici.

Altrettanto affascinante è Capoliveri, un incantevole borgo arroccato sulla collina che offre una vista mozzafiato. Il suo centro storico, dalle atmosfere medievali, è costellato di stretti vicoli che ospitano botteghe artigiane e locali dove è possibile gustare le specialità culinarie elbane, come il cacciucco e la schiaccia briaca, un dessert delizioso. Infine, Porto Azzurro è un borgo antico di pescatori dove si erge imponente il Forte San Giacomo, costruito nel XVII secolo per proteggere l’isola dagli attacchi dei pirati saraceni.

Potrebbe interessarti anche: Campi di tulipani: dove trovare quelli più belli in Italia