Siccità, si potrà bere l’acqua delle fogne? La decisione del Parlamento Europeo

Siccità, si potrà bere l’acqua delle fogne? La decisione del Parlamento Europeo? Una novità che merita attenzione da parte di tutti. 

Nel complesso panorama delle politiche e delle decisioni europee, emerge una nuova prospettiva che potrebbe rivoluzionare il modo in cui percepiamo e gestiamo l’acqua. Chi avrebbe mai pensato che le acque reflue potrebbero diventare una risorsa preziosa e sostenibile? Il Parlamento europeo ha recentemente approvato nuove normative riguardanti la gestione, la raccolta e il trattamento delle acque reflue urbane, aprendo la strada a un approccio audace e innovativo per affrontare il sempre più pressante problema della siccità.

Queste nuove regole si concentrano principalmente sulla depurazione delle acque reflue provenienti dalle nostre città. L’obiettivo principale è rendere nuovamente utilizzabile l’acqua proveniente dalle fogne, eliminando durante il processo di depurazione agenti patogeni come microplastiche, virus, batteri e PFAS per garantire la massima sicurezza e qualità dell’acqua trattata.

Quest’acqua trattata potrebbe essere impiegata in svariati settori, incluso l’irrigazione agricola. Le tecnologie per il riutilizzo delle acque reflue non solo risolverebbero le sfide legate alla disponibilità idrica, ma potrebbero renderle anche adatte al consumo umano.

Il principio cardine di queste normative è il concetto di “chi inquina paga”. Le imprese che producono cosmetici e medicinali saranno chiamate a coprire fino all’80% dei costi per rimuovere i microinquinanti derivanti dalle loro attività.

Come potrebbe cambiare lo scenario

depuratore acqua
depuratore acqua

Questa iniziativa non è un caso isolato. Altri luoghi nel mondo, come lo Stato della California negli USA, stanno già adottando misure simili, purificando le acque reflue per renderle potabili direttamente dai rubinetti domestici.

Può sembrare una prospettiva sorprendente, ma anche i più scettici potrebbero rimanere stupiti dai risultati. Studi condotti da istituzioni accademiche indicano che l’acqua trattata proveniente dalle fogne potrebbe essere di migliore qualità rispetto a quella delle fonti tradizionali. Questi sforzi segnano un cambiamento di paradigma nella gestione delle risorse idriche, spingendo verso una maggiore sostenibilità e un utilizzo più efficiente delle acque reflue.

Riconoscere l’importanza di trattare l’acqua come una risorsa preziosa e adottare misure concrete per ridurre lo spreco e promuovere il riciclo sono passi cruciali verso un futuro più sostenibile dal punto di vista idrico. Anche se la strada può sembrare insolita, il suo impatto potrebbe essere rivoluzionario, trasformando ciò che una volta era considerato rifiuto in una preziosa fonte di vita e prosperità.

È chiaro che le risorse del nostro pianeta, a cominciare dall’acqua, non sono infinite. Pertanto, è sempre più necessario intraprendere iniziative come queste che ci consentono di dare nuova vita all’acqua. Anche se al momento possono sembrare insolite, potrebbero diventare la norma nel futuro, integrandosi profondamente nella nostra vita quotidiana.

Potrebbe interessarti anche: Consumare troppe proteine aumenta i rischi di infarto