Faretti cucina, l’errore da non commettere mai

Faretti cucina, l’errore da non commettere mai quando decidiamo di cambiare le luci nella nostra casa e in una zona molto frequentata dove trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate.

Commettiamo tanti errori nelle nostre case, soprattutto quando cerchiamo di portare dei miglioramenti anche estetici alle stanze che frequentiamo di più, come per esempio la cucina. E sappiamo bene che l’illuminazione riveste un ruolo cruciale in qualsiasi ambiente domestico, ma assume un’importanza ancora maggiore in questa zona.

Questo spazio non è solamente destinato alla preparazione del cibo, ma rappresenta anche un luogo di socializzazione con familiari e amici, nonché un rifugio per trascorrere momenti di qualità. Di conseguenza, è essenziale garantire un’illuminazione adeguata e confortevole. Tra gli elementi fondamentali dell’illuminazione in cucina, spiccano i faretti. Queste luci possono essere impiegate per illuminare l’intero ambiente o per creare punti focali.

Tuttavia, è fondamentale installarli correttamente per ottenere il massimo risultato. Uno degli errori più diffusi è quello di installare i faretti in modo casuale, senza tenere conto delle specifiche esigenze della stanza. Ciò può causare un’illuminazione non uniforme, con alcune aree sovraesposte e altre troppo buie.

Ecco alcuni suggerimenti per evitare questo inconveniente:

Faretti Cucina
Faretti Cucina
  1. Valuta l’utilizzo della cucina: se il principale impiego della cucina è la preparazione dei pasti, è cruciale garantire una buona illuminazione dell’area di lavoro. A tal fine, è consigliabile posizionare i faretti sopra il piano cottura e il lavabo.
  2. Considera l’atmosfera desiderata: se intendi creare un’atmosfera accogliente, è preferibile evitare un’illuminazione eccessivamente intensa. Puoi optare per faretti dotati di lampadine a basso consumo energetico e regolabili in intensità luminosa.
  3. Pianifica l’organizzazione degli arredi: prima di installare i faretti, è utile pianificare la disposizione dei mobili in cucina. Ciò consente di assicurare un’illuminazione uniforme in tutte le zone della stanza.

In linea generale, si consiglia di posizionare i faretti a una distanza di circa 60-70 cm dal soffitto, anche se tale distanza può variare in base alle dimensioni della stanza e all’effetto desiderato. Oltre ai faretti, esistono altre soluzioni luminose per la cucina, come plafoniere centrali o applique da parete. Tuttavia, i faretti rimangono una soluzione versatile e pratica, adattabile a qualsiasi tipologia di cucina.

In ogni caso se si sta valutando l’installazione di faretti in cucina, è consigliabile consultare un professionista esperto, in grado di consigliare sulla soluzione più adatta alle esigenze specifiche.

Potrebbe interessarti anche: Come lavare i piatti risparmiando l’acqua: il trucco infallibile