Tè verde: perché fa bene e quanto se ne può bere al giorno

Tè verde: perché fa bene e quanto se ne può assumere al giorno? Andiamo a scoprire tutti i segreti di questa bevanda amata da tanti e come beneficiarne nel corso della giornata. 

Il processo di produzione del tè verde parte dalla preziosa pianta Thea sinensis, un rituale che preserva la sua freschezza e vitalità. Diverse dalle altre varietà di tè, le foglie vengono sottoposte a una delicata stabilizzazione termica anziché all’ossidazione, mantenendo così intatto il loro caratteristico colore verde. Anche se la presenza di caffeina è una costante, il tè verde offre una vasta gamma di quantità, che oscillano tra i 20 e i 50 mg ogni 100 ml di bevanda.

Le qualità benefiche di questa bevanda sono numerose e incisive. Ricco di polifenoli e antiossidanti, il tè verde è noto per rafforzare il sistema immunitario e contrastare l’invecchiamento precoce delle cellule. La sua azione acceleratrice sul metabolismo dei grassi e degli zuccheri ha contribuito alla sua crescente popolarità negli ultimi anni.

Inoltre, facilita l’eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso, favorendo la riduzione della cellulite. Il tè verde si rivela così un prezioso alleato per mantenersi in forma e in salute, grazie alle sue molteplici proprietà che possono essere potenziate con la giusta preparazione e combinazione di ingredienti.

Come assumere al meglio il tè verde

Per ottenere il massimo beneficio da queste proprietà, è essenziale garantire la qualità delle foglie utilizzate nella preparazione della bevanda, preferendo foglie intere o spezzettate rispetto alla polvere. La corretta conservazione delle foglie, al riparo dalla luce in barattoli chiusi, è altrettanto cruciale per preservarne le proprietà. Una volta acquisite queste conoscenze di base, la corretta tecnica di preparazione diventa fondamentale.

L’acqua non dovrebbe mai superare i 70/80 gradi Celsius, ma in mancanza di un termometro, è possibile fare affidamento su indicatori visivi o uditivi. Durante il riscaldamento dell’acqua, quando si notano i primi segni di ebollizione, è il momento di spegnere il fuoco e lasciare riposare l’acqua per qualche minuto. Durante l’infusione delle foglie di tè verde, è possibile arricchire la bevanda aggiungendo una manciata di mirtilli essiccati per potenziarne le proprietà antiossidanti e conferirle un gusto unico.

È anche possibile arricchire ulteriormente la miscela con fette di zenzero, che non solo amplificano i benefici del tè verde e dei mirtilli, ma contribuiscono anche a migliorare il metabolismo e la diuresi. È importante lasciare la miscela in infusione per almeno 5 minuti, mantenendola coperta per evitare la dispersione di aromi preziosi. Con l’attenzione ai dettagli e la combinazione di ingredienti selezionati con cura, è possibile sfruttare appieno il potenziale del tè verde e massimizzarne i benefici per la salute.

Potrebbe interessarti anche: Conosci la pianta della vergogna? Cosa succede quando la tocchi