Dove si buttano gli imballaggi delle uova di Pasqua: sbagliano tutti

Dove si buttano gli imballaggi delle uova di Pasqua: sbagliano tutti. Scopriamo come si devono smaltire correttamente dopo giorni di accumuli in tante famiglie. 

Quante uova di Pasqua abbiamo aperto in questi giorni in famiglia? Sia nella giornata di domenica 31 marzo che oggi 1 aprile sono migliaia le prelibatezze al cioccolato per grandi e piccoli che sono state consumate in Italia e nel mondo. Ma una volta gustato è importante pensare al corretto smaltimento dei suoi imballaggi.

In pochi infatti lo fanno in modo corretto, con tantissimi errori che riguardano migliaia di famiglie che non badano a questo dettaglio che invece risulta molto importante per non impattare sull’ambiente. Andiamo a scoprire come evitare questo errore, non andando ad impattare in maniera negativa sull’ambiente.

Uova di Pasqua, come smaltire correttamente gli imballaggi

Ma dove dovremmo gettarli in modo responsabile gli imballaggi della uova di Pasqua? Il primo passo per risolvere questo dilemma è identificare il materiale dell’involucro. Nella maggior parte dei casi, le uova sono avvolte in plastica (realizzata in propilene) dai colori vivaci. Non fatevi ingannare da chi la definisce erroneamente “carta” dell’uovo di Pasqua. Questi materiali devono essere gettati tra i rifiuti plastici, insieme al contenitore ovale che contiene la sorpresa e al vasetto porta-uovo.

La situazione è diversa per le uova di Pasqua avvolte in fogli di alluminio o tessuto colorato. Questi devono essere smaltiti rispettivamente nei contenitori dei metalli, insieme agli altri imballaggi di alluminio e acciaio, e nei rifiuti indifferenziati. Anche nastrini e lacci utilizzati per confezionare le uova devono essere gettati nei rifiuti solidi urbani.

Per quanto riguarda il cartoncino con il marchio e gli ingredienti, va gettato tra la carta. E se avete dubbi su come smaltire correttamente un rifiuto, ci sono diverse app utili come Junker. Quest’applicazione innovativa e intuitiva consente di conoscere il corretto metodo di smaltimento semplicemente inquadrando il codice a barre stampato sull’imballaggio o inserendo il tipo di rifiuto.

Prima di disfarsi degli imballaggi, della capsula della sorpresa e della base delle uova di Pasqua, vale la pena considerare la possibilità di trasformarli in qualcos’altro. Con un po’ di creatività, è possibile realizzare una varietà di oggetti utili. Per esempio, potreste utilizzare l’involucro per creare aquiloni o carta da regalo, mentre la parte che contiene la sorpresa potrebbe diventare il materiale perfetto per realizzare maracas, contenitori per pasta da modellare o porta-candele.

Potrebbe interessarti anche: Frange tappeti, come mantenerle bianche e pulite per mesi